12 consigli su Twitter: #2 scegli bene i contatti da seguire

Questo post fa parte di una serie di 12 brevi consigli e spunti per chi si sta avvicinando a Twitter e per i più esperti.

Twitter è un sistema aperto ai non iscritti, trasparente e visibile dall’esterno come contenuti,¬†nessuno ti obbliga a ricambiare il contatto.
Puoi seguire un gruppo di contatti ed essere seguito da altri differenti senza alcun problema.
L’unica eccezione è per i profili privati, che possono essere letti solo dopo l’approvazione del titolare, e i messaggi privati diretti tra due persone, che richiedono anch’essi un contatto reciproco.
Nel caso si voglia entrare in contatto con qualcuno (e sia accettabile farlo pubblicamente) non è neanche indispensabile il messaggio privato basta nominarlo nel tweet, cioè inserire il suo riferimento (è la @ seguita dal suo nickname) che rappresenta anche un buon collegamento per chi vi legge.
Il tuo tweet comparirà nella lista dei suoi “mentions” (“menzioni” in italiano) ma attenzione a non abusarne perché esiste la funzione di blocco degli utenti molesti o degli spammer.

Scegli accuratamente chi vuoi seguire perché da quel momento in poi i suoi tweet e i suoi RT (ReTweet) faranno parte quotidianamente del tuo flusso informativo.
Inoltre tutti i contatti che segui costituiscono di fatto il filtro principale attraverso il quale ti giungeranno notizie e informazioni.
Quando qualcuno ti aggiunge ai propri contatti valuta attentamente di chi si tratta:

  • è un profilo reale o finto?
    Naturalmente anche Twitter è piena di spammer o venditori di ogni tipo, in tal caso bisogna fare attenzione ai link che forniscono nei tweet
  • è un profilo esclusivamente promozionale composto da liste di link?
    Anche tra gli utenti “veri” c’è chi usa Twitter solo come un elenco aggiornato di link, spesso di natura autopromozionale: è lecito ma il valore di un’attività del genere sul network è molto basso.
    Poi ci sono le aziende che lo usano solo per attrarre traffico o tentare vanamente di aumentare la propria notorietà: Internet è già piena di elenchi di link, non è molto interessante ritrovarseli anche su Twitter.
  • tratta argomenti che ti possono interessare?
    Osserva il suo avatar (cioè la foto) e la sua biografia, guarda se esistono e quanto sono accurati.
    Nota con quale frequenza pubblica i tweet e da quanto tempo.
    Dal contenuto degli ultimi (circa) 20 tweet potrai desumere ancora meglio quanto corrisponde ai tuoi interessi.
  • è disposto volentieri a fare retweet di messaggi altrui?
    La propensione a proporre contenuti di altri è un segnale importante sui suoi interessi e sulla sua disponibilità
  • interagisce dialogando con riferimenti diretti ad altri?
    Un’adeguata interazione dà garanzie di attenzione verso i contenuti e genuinità degli stessi.
    Inoltre mostra la volontà di dialogare direttamente con gli altri contatti.

Se vuoi puoi usare servizi gratuiti come Formulists che generano automaticamente liste (scrivendole sul tuo profilo Twitter) in base a regole relative ai tuoi interessi, in modo da individuare nuovi contatti interessanti da seguire o i migliori tra quelli che hai già.

Integrazione: consiglia agli altri i contatti da seguire.
Il Follow Friday è un’usanza degli utenti di Twitter di segnalare ogni venerdì i contatti che durante la settimana si sono rivelati particolarmente interessanti.
Il motivo è che non esisteva fino a poco tempo fa un modo semplice per aggiungere nuovi utenti interessanti e la rete si era organizzata autonomamente.
In seguito, invece, sono stati introdotti gli “utenti consigliati”, selezionati totalmente a discrezione degli addetti di Twitter, e la sezione sul sito dedicata a nuovi contatti interessanti da aggiungere, selezionati con un algoritmo che sembra non andare oltre le conoscenze in comune.
Nonostante questo il Follow Friday si è diffuso sempre più (al punto da essere oggi uno degli argomenti di punta in tutto il network) anche perché è più efficiente e permette realmente di scovare nuovi contatti interessanti.
La segnalazione consiste in un tweet con l’hashtag del Follow Friday, che è sempre #FF (più raramente #FollowFriday), in cui si elenca il riferimento (con @ davanti) degli utenti che si vogliono segnalare.


Ne viene fuori uno (o più) tweet apparentemente incomprensibili ma molto utili, soprattutto se ci fidiamo di chi li segnala.
C’è anche un’altra corrente di pensiero, certamente corretta, che vorrebbe un tweet per ogni contatto da segnalare, con relativa breve spiegazione.
In realtà visitando un profilo ci dovremmo rendere conto se ci può interessare o meno quindi spesso, anche per motivi di spazio, si usano tweet cumulativi.
Alcuni usano il Follow Friday per attirare l’attenzione, fare promozione o autopromozione di profili collegati tra loro: non è molto conveniente perché si perde l’utilità e quindi la fiducia di chi ci segue; su Twitter conviene sempre fornire contenuti realmente validi.
Insomma anche se sei all’inizio ti conviene fare attenzione ai #FF dei tuoi contatti e, appena puoi, iniziarne a fare in modo da cominciare a integrarti nel network.

altri 3 post a cui potresti essere interessato: