il gioco delle (baby) pensioni


Warning: mysqli_query(): (HY000/1030): Got error 28 from storage engine in /nfs/c01/h01/mnt/10327/domains/stilografico.com/html/wp-includes/wp-db.php on line 2007


Originally uploaded on Flickr by Iguana Jo.

Ad ogni allarme sui conti pubblici qualcuno (giornali finanziari o amministratori pubblici) se ne esce con qualche dato allarmante sulle pensioni “baby” che farebbero, tra le altre cose, sballare i conti.
Eppure nessun lavoratore credo abbia minacciato il proprio dirigente superiore per farsi assegnare una pensione baby.
Sono strumenti che lo Stato stesso negli anni ha messo molte volte a disposizione degli enti pubblici.
Nondimeno sperando che la maggiore quantit?ɬ† di lavoratori previsti aderisse!
Perch?ɬ® se ne lamentano se lo hanno permesso loro stessi?
E poi se sono cos?ɬ¨ “assurde” allora perch?ɬ® l’hanno fatto?

Vediamo un po’, generalmente per sfoltire l’esercito di dipendenti pubblici e migliorare i conti di breve periodo, accollando tutti i problemi al futuro (cio?ɬ® adesso, immagino).
Ovviamente per presentarsi meglio di fronte agli elettori.

Ma soprattutto per permettere una bella riorganizzazione delle aziende pubbliche, la ristrutturazione, la trasformazione in public company e possibilmente una bella quotazione in borsa.
Un modo facile e veloce per raggranellare tanti soldi sulla pelle dello Stato e di noi tutti con la scusa dell’efficienza “aziendalistica” vs. inefficienza pubblica, le mitiche PRIVATIZZAZIONI.
Tutto falso, sappiamo oggi, le privatizzazioni sono state un fallimento, tranne per pochi fortunati “opportunisti”, le aziende sono andate malissimo e in ogni caso contro l’interesse della collettivit?ɬ†, consumatori e lavoratori.
Al punto che oggi siamo costretti a rifinanziarle abbondamentemente e rivenderle per non farle fallire davvero.
Sembra assurdo vero?
E in futuro certamente si dir?ɬ†: i conti sono in rosso per colpa delle privatizzazioni.


altri 3 post a cui potresti essere interessato:

    nessun post simile trovato

Technorati Tags: , ,

Technorati Tags , ,